As Found, As Left

As Found, As Left!

due inglesismi utilizzati in metrologia

Inglesismo o anglicismo è una parola, o una costruzione della lingua inglese, che viene utilizzata o recepita in un’altra lingua.

Ci sono un paio di termini inglesi che vengono utilizzati in metrologia per esprimere due differenti condizioni di taratura di uno strumento. Mi riferisco al termine As found e al termine As left.

La taratura As found o verifica iniziale, serve a conoscere le caratteristiche metrologiche di uno strumento. As found, “come trovato”, indica che lo strumento di misura viene verificato senza eseguire nessuna operazione di aggiustaggio o messa in punto.

La taratura As found può essere utilizzata per effettuare la conferma metrologica dello strumento, operazione prevista della Norma UNI EN ISO 10012, tramite il confronto delle misure eseguite, rispetto alla taratura precedente.

La conferma metrologica è utile per verificare se lo strumento, nel lasso di tempo tra una taratura e la successiva, è rimasto all’interno dei limiti prefissati, cioè in regime di conformità.

Quando uno strumento, al termine della taratura As found, risulta essere fuori dal regime di conformità, e quando lo strumento in questione ha la possibilità di essere riallineato, si può procedere all’operazione di aggiustaggio o messa in punto (in inglese calibration) Ti potrebbe interessare l’articolo sulla differenza tra Calibrazione o Taratura.

Questa operazione, che in passato si eseguiva tramite regolazione manuale, oggi sempre più spesso, viene eseguita attraverso un software che va a riallineare i parametri di calcolo interni dello strumento, riportandolo vicino al valore nominalmente più corretto.

La taratura As left “come lasciato”, viene effettuata al termine della messa in punto, con lo strumento perfettamente riallineato ai valori di riferimento utilizzati per la verifica.

Ora vi domanderete: “ma quale delle due tarature devo eseguire sul mio strumento di misura?”.

In linea teorica la taratura As left si rende necessaria solo quando la taratura As found ha fornito risultati che non hanno soddisfatto, durante la conferma metrologica, i limiti di conformità prefissati, altrimenti la taratura As found è sufficiente in termini di soddisfacimento della Norma UNI EN ISO 10012 e UNI EN ISO 9001.

La messa in punto e la taratura As left, possono essere comunque eseguite per avere uno strumento ancora più preciso, nonostante questo si sia rivelato, durante la taratura As found, all’interno della fascia di conformità.

Perchè Tarare uno Strumento di misura

Spesso in azienda ci si domanda il perché è necessario tarare uno strumento di misura. La risposta è molto semplice. In azienda è importante eseguire misure affidabili, per evitare sprechi ed eventuali contestazioni da parte dei clienti, in particolare se si tratta di merci di valore.

Bene, ora che abbiamo capito l’importanza di una taratura, è il caso di capire anche quali strumenti verificare tramite il controllo di taratura e in quali modalità.

In generale devono essere verificati tutti gli strumenti che vengono utilizzati in azienda.

L’approccio dovrebbe essere quello di stabilire quali strumenti usare come campioni di riferimento e quali come strumenti operativi.

Come strumenti campioni si intendono gli strumenti riferibili al Sistema Internazionale, questi non saranno utilizzati nei processi produttivi, ma è fondamentale il controllo, presso un laboratorio esterno accreditato, secondo la Norma ISO 17025, perché saranno utilizzati per trasferire riferibilità metrologica agli strumenti operativi. Cosa vuol dire riferibilità metrologica? dal VIM, Vocabolario di Metrologia Internazionale, il termine riferibilità è la proprietà di una misura di essere rapportata con valori noti a campioni appropriati, attraverso una catena ininterrotta di confronti.

Gli strumenti operativi invece sono gli strumenti di lavoro, utilizzati nei processi produttivi e di verifica di qualità del prodotto finale, questi possono essere verificati internamente con campioni di riferimento, o inviati in taratura esterna presso un laboratorio accreditato.

La Norma ISO 9001:2015 al punto 7.1.5.2 richiede infatti che gli strumenti, che devono garantire la fiducia circa la validità dei risultati di misura, vengano tarati, identificati e salvaguardati da eventuali danni e deterioramenti che possono invalidare il loro stato di taratura e buon funzionamento.

La gestione in qualità degli strumenti di misura, risulta difficile se non ci si affida ad un sistema centralizzato, che ci aiuta a mantenere in ordine tutti gli strumenti presenti in azienda.

Uno degli strumenti spesso utilizzati in azienda è infatti un database come il ByteGS, che può raggruppare tutte le informazioni necessarie alla gestione corretta degli strumenti.

Avere a portata di click ogni informazione e ogni documento riferito ad ogni singolo strumento è di importanza vitale, per far sì che ogni operatore non incorra in errori durante le fasi di misura.