Spesso in azienda ci si domanda il perché è necessario tarare uno strumento di misura. La risposta è molto semplice. In azienda è importante eseguire misure affidabili, per evitare sprechi ed eventuali contestazioni da parte dei clienti, in particolare se si tratta di merci di valore.

Bene, ora che abbiamo capito l’importanza di una taratura, è il caso di capire anche quali strumenti verificare tramite il controllo di taratura e in quali modalità.

In generale devono essere verificati tutti gli strumenti che vengono utilizzati in azienda.

L’approccio dovrebbe essere quello di stabilire quali strumenti usare come campioni di riferimento e quali come strumenti operativi.

Come strumenti campioni si intendono gli strumenti riferibili al Sistema Internazionale, questi non saranno utilizzati nei processi produttivi, ma è fondamentale il controllo, presso un laboratorio esterno accreditato, secondo la Norma ISO 17025, perché saranno utilizzati per trasferire riferibilità metrologica agli strumenti operativi. Cosa vuol dire riferibilità metrologica? dal VIM, Vocabolario di Metrologia Internazionale, il termine riferibilità è la proprietà di una misura di essere rapportata con valori noti a campioni appropriati, attraverso una catena ininterrotta di confronti.

Gli strumenti operativi invece sono gli strumenti di lavoro, utilizzati nei processi produttivi e di verifica di qualità del prodotto finale, questi possono essere verificati internamente con campioni di riferimento, o inviati in taratura esterna presso un laboratorio accreditato.

La Norma ISO 9001:2015 al punto 7.1.5.2 richiede infatti che gli strumenti, che devono garantire la fiducia circa la validità dei risultati di misura, vengano tarati, identificati e salvaguardati da eventuali danni e deterioramenti che possono invalidare il loro stato di taratura e buon funzionamento.

La gestione in qualità degli strumenti di misura, risulta difficile se non ci si affida ad un sistema centralizzato, che ci aiuta a mantenere in ordine tutti gli strumenti presenti in azienda.

Uno degli strumenti spesso utilizzati in azienda è infatti un database come il ByteGS, che può raggruppare tutte le informazioni necessarie alla gestione corretta degli strumenti.

Avere a portata di click ogni informazione e ogni documento riferito ad ogni singolo strumento è di importanza vitale, per far sì che ogni operatore non incorra in errori durante le fasi di misura.

 


Enrico Reccagni

Enrico Reccagni

Responsabile Sistema Gestione Qualità ISO 17025

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *